Maratona Bressanone Dolomiti 2015: ogni anno un successo crescente

La Maratona Bressanone Dolomiti è una delle più belle manifestazioni dedicate alla corsa in Alto Adige: 2.340 metri di dislivello e 42,195 chilometri di distanza sono una vera sfida, una grande prova di fatica, che viene ricompensata da un panorama unico. Il percorso va da piazza Duomo a Bressanone fino alla vetta della montagna di casa: la Plose.
Un percorso molto amato dagli atleti che, dopo solo sei anni, arrivano da più di 20 nazioni per partecipare a questa corsa veramente unica.

Ne è sodisfatta Evi Ellemunter, responsabile dell’organizzazione, che nel corso della conferenza stampa ha presentato le molte novità di quest’anno.

Per la prima volta è stata realizzata una medaglia finisher: una collaborazione con l’artista brissinese Peter Senoner.
“L’idea, che già da tempo è un mio grande desiderio personale, siamo stati finalmente in grado di realizzarla. Il progetto interessa un arco di tempo di tre anni e interpreta così lo sviluppo degli atleti a contatto con la montagna e la continuità della nostra organizzazione”, dice Evi.

brixen-marathon-news-2015

Per la prima volta gli atleti hanno la possibilità di scegliere il K33. Una corsa lunga 33,7 chilometri con partenza sempre da Piazza Duomo. Il traguardo è però posizionato a Valcroce: i metri di dislivello da superare sono quindi 1.940. Un’occasione straordinaria per tanti corridori di avvicinarsi in modo soft alla lunghezza della maratona e prendere comunque parte ad una corsa eccezionale con vista panoramica. Christian Jocher, atleta appassionato di maratona, è contento di questo nuovo progetto: “Ci rivolgiamo così ad un numero più alto di atleti e offriamo a più persone l’opportunità di partecipare a questa corsa così unica.”

Eva Ellemunter ha inoltre sottolineato inoltre l’importanza della Maratona Bressanone Dolomiti dal punto di vista della promozione per la città Vescovile.
Niente è in grado di rappresentare meglio di questa maratona il connubio tra Bressanone e la Plose, la relazione fra la città e la montagna: il 27 giugno tutto questò si vivrà per la 6° volta.

Pienamente concordi anche i rappresentati della città.
Il sindaco Albert Pürgstaller elogia l’eccezionale lavoro svolto negli ultimi anni. Per organizzare quest’evento, unico nel mondo della corsa, ogni anno a Bressanone lavorano più di 400 volontari durante i giorni di corsa.

365 giorni l’anno è invece l’impegno per il team dell’organizzazione: l’Associazione Sportiva Valle d’Isarco.